La gente arriva a credere non sulla base di prove, ma in base a quello che trova attraente.

 

Argomenti come misteri o complotti sono pieni di falsità, cioè ci sono tantissime bufale spacciate per verità da molte persone, che creano disinformazione ed impediscono di capire come stanno realmente le cose.  E c'è una differenza abissale tra quello che scrivono gli esperti di settore (che sono la fonte primaria di quanto pubblicato in questo sito) e quello che scrivono coloro che hanno la necessità di dover vendere misteri, complotti e dubbi.

Siete stanchi delle bufale, dei ciarlatani, dei pazzoidi, degli incompetenti che divulgano falsità sui misteri e sui complotti?

Non siete ancora coscienti della grande verità secondo cui internet non è una fonte di informazione affidabile soprattutto sulle notizie ed informazioni sensazionali?

Volete capire cosa è vero e cosa è falso?

Allora dovete visitare il:

 

CEIFAN
Centro di Indagine sui Fenomeni Anomali
diretto dal
Servizio Antibufala

http://ceifan.org

 

Questo sito tratta in modo SERIO gli argomenti sensazionali come i misteri ed i complotti senza scendere a compromessi con falsità e speculazioni, anzi, vengono svelate alcune delle bufale più frequenti presenti in queste materie. Il trattare seriamente questi argomenti non viene fatto quasi mai perché non "vende" e non attira persone come invece fa lo spacciare falsità per cose vere. Dunque, il CEIFAN si pone in netta controtendenza rispetto ai media e soprattutto ad internet. Proprio Internet è un luogo dove l'attendibilità delle informazioni sensazionali è pari a zero, ma la stragrande maggioranza della gente ignora questo dato, finendo facilmente per essere ingannata dai ciarlatani e dai loro seguaci.

Entrate quindi nel sito per vedere finalmente i misteri affrontati in modo serio ma non completamente scettico:

 

 

 

 

Nota: la denominazione punteggiata corretta del CEIFAN è: CE.I.F.AN.

 

For non-Italian visitors: Use the function that is at the bottom of the page to translate every page in your language.