Se volete contattare il Servizio Antibufala per suggerimenti, critiche, collaborazioni ed altro mandate una e-mail all'indirizzo:

 

servizioantibufala1(chiocciola)gmail.com

 

ATTENZIONE!

Se volete scrivere critiche e  non volete essere mandati a quel paese, o peggio, dovete seguire le seguenti regole:

1) Indicare l'articolo oggetto della critica

2) Aver letto tutto l'articolo, comprese tutte le pagine che lo compongono (guai a voi se scopriamo che non l'avete fatto)

3) Indicare le affermazioni oggetto della critica presenti nell'articolo (cosa contestate esattamente?)

 

Se sei uno di quelli che mi ha insultato e pensa che io sia un prezzolato disinformatore, tieni presente che è del tutto inutile prendersela con me. Io non faccio altro che riferire i fatti documentati dagli esperti. Se questi fatti non ti vanno a genio, prenditela con gli esperti, non con me.

 

Se i sostenitori delle tesi alternative vogliono risposte ai propri dubbi, non devono fare altro che incaricare degli esperti qualificati nei settori tecnici pertinenti e chiedere a loro di rispondere in dettaglio e di formalizzare quei dubbi, sotto forma di articoli scientifici documentati, da sottoporre per verifica alle riviste specialistiche dei settori interessati.
Questo è quello che si fa in qualunque campo nel quale si voglia realmente fare ricerca scientifica della verità e fornire chiarezza: si interpellano gli esperti, e se gli esperti confermano la tesi, la si pubblica (con accurata documentazione) in una rivista scientifica, dove verrà vagliata da altri esperti. In tutti questi anni, però, nessuno dei sostenitori delle tesi alternative lo ha fatto, preferendo invece vendere libri o DVD, produrre video interminabili e scrivere una infinità di articoli con cui lucrare grazie alle pubblicità o alla popolarità. Vale la pena di chiedersi perché.
 

Non siamo presenti nè su youtube e nè su Facebook, in quanto le ripetute segnalazioni fatte ad arte da parte dei credenti nelle bufale hanno portato alla chiusura di pagine facebook e canali youtube. Inoltre, il mondo di Facebook e youtube non è il mondo reale. È una sua versione distorta, filtrata, nella quale si fa notare chi strilla di più, chi ha più tempo da perdere e chi vuole mettersi in mostra. Non ci sorprende, quindi, che la ricerca documenti che chi è complottista su Facebook tende a restare complottista anche dopo essere stato esposto a contenuti di debunking. Lo vediamo quasi quotidianamente nelle discussioni fra complottisti e non complottisti. Lo vediamo in particolare proprio sui social network, che sono un pessimo ambiente per discussioni serie: troppo dispersivi e predisposti ad alimentare tifoserie (tramite i like e simili), battibecchi, esibizionismi e attacchi personali.

 

Qualsiasi altra cosa su qualsiasi altro sito internet non è gestito  o pubblicato dal Servizio Antibufala o dal CEIFAN

 

Questi sono i Banner per fare spam (pubblicità) sui forum/siti:

  

 

IMPORTANTE:

Qualsiasi articolo del sito può essere liberamente pubblicato su qualsiasi altro sito internet, basta che sia indicato l'autore e il sito di provenienza dell'articolo, e non è necessario chiedermi il permesso.

Do not copy any site content without the indication of my name and site address.

 

Del materiale pubblicato su questo sito può provenire integralmente da siti esterni se questo viene indicato all'inizio di ciascun articolo/paragrafo, pertanto rivolgersi ai rispettivi autori/siti per questioni riguardanti i diritti.

 

 

Torna indietro

 

 

CEIFAN
Centro di Indagine sui Fenomeni Anomali
diretto dal
Servizio Antibufala

http://ceifan.org