La fisica fantasiosa delle scie chimiche e le impossibili modifiche climatiche

 

 

 

da http://lospiegone.blogspot.it/2014/07/rimettiamo-un-po-posto-i-concetti.html


La moda NEW AGE, ultimamente tende ad abusare di termini scientifici, per parlare di tematiche più o meno spirituali. L'uso di una terminologia scientifica, mentre si discute di temi anche a volte metafisici, per quanto bella dal punto di vista linguistico, nel tempo ha creato molta confusione.

Anche a me piace fare un parallelo tra le relazioni umane e la legge di gravitazione universale. Ad esempio, ho sempre associato la difficoltà del mettersi in relazione con qualcuno al fatto che per entrare in orbita attorno ad un corpo esiste una piccola forbice di velocità utilizzabili. Se vai troppo piano ti schianti sul corpo in questione, se vai troppo forte non riesci a fermarti in orbita ma passi oltre. Per metafora, posso dire che con le persone è pressapoco lo stesso. Devi relazionarti con loro alla velocità giusta, se vai troppo piano o troppo forte non riesci a relazionarti in maniera stabile e sicura.

Ma il fatto che sia linguisticamente bello, non significa che sia scientifico. Non posso calcolare la velocità con cui mi relaziono ad una persona, in funzione del rapporto delle nostre masse e della nostra distanza!


 

1 – Energia

 

Una parola che viene spesso abusata è Energia. Si parla spesso di energie, positive e negative, energie orgoniche, vibrazionali e quant'altro. Ora, è bello divertirsi a filosofeggiare sui paragoni tra alcuni aspetti della vita e certi concetti fisici, ma non posso poi però pretendere di utilizzare ragionamenti filosofici al posto di una corretta applicazione delle Leggi Fisiche (si chiamano leggi, per un motivo).

L'Energia in fisica è “la grandezza fisica che misura la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro, a prescindere dal fatto che tale lavoro sia o possa essere effettivamente svolto.” (http://it.wikipedia.org/wiki/Energia).


 

2 – Conservazione dell'energia


La conservazione dell'energia è una legge importantissima. Afferma che “sebbene l'energia possa essere trasformata e convertita da una forma all'altra, la quantità totale di essa in un sistema isolato non varia nel tempo” (http://it.wikipedia.org/wiki/Legge_di_conservazione_dell'energia).

Ci sono quotidianamente un sacco di dimostrazioni di questa legge. Una di quelle che da bambino mi ha stupito di più, è stata la seguente: ci si siede al centro di una giostra a girello, di quelle nei parchi giochi, con in mano una ruota di bicicletta, possibilmente stesa e quindi parallela alla base della giostra. Qualcuno, tenendo ferma la giostra, fa ruotare abbastanza velocemente la ruota che avete in mano e poi si allontana. Ora, prima che la ruota rallenti, provate a fermarla con la mano libera (magari coperta da apposti guanto). Come la frenate, la giostra, molto lentamente, comincerà a girare. La parte dell'energia della ruota da bicicletta che non si è convertita in calore quando l'avete frenata, viene trasferita alla ruota più grande, cioè la giostra.


 

3 – Entropia
 

Il concetto di entropia, anch'esso importantissimo, è molto complicato. Piuttosto che una definizione rigorosa, preferisco cercare di far capire il più possibile la sfumatura del concetto che serve a noi. Con entropia di un sistema si indica il grado di “disordine” di quel sistema. Ed il postulato dell'entropia, afferma che in un sistema isolato, l'entropia può al più rimanere la stessa, oppure aumentare, ma mai diminuire. (http://it.wikipedia.org/wiki/Entropia)

La conseguenza pratica che più ci tocca da vicino, è che durante un qualunque tipo di lavoro, parte dell'energia impiegata viene dispersa in calore, e l'energia dispersa non è mai recuperabile in toto.

Se fate rimbalzare una pallina, l'energia cinetica della pallina che cade, viene trasformata nella deformazione elastica della pallina che colpisce il pavimento, che viene riconvertita in energia cinetica, facendola rimbalzare verso l'alto. Ma se non fornite nuova energia alla pallina, questa rimbalzerà sempre meno, fino a fermarsi. Perché non tutta l'energia cinetica viene riconvertita nella deformazione, e non tutta la deformazione viene riconvertita in energia cinetica. Parte dell'energia viene irrimediabilmente dispersa in calore.

Questo è il motivo per cui il moto perpetuo non esiste. Nessun motore potrà mai all'infinito alimentare sé stesso.


 

4 – Equilibrio.


L'ultimo concetto che voglio recuperare prima di rimettere insieme il tutto, è il concetto di equilibrio. Anche se intuitivamente è chiaro cosa sia l'equilibrio, non è altrettanto semplice formularlo in maniera omnicomprensiva, per cui anche qui cercherò di far capire il concetto che ci è utile. Esistono varie forme di equilibrio, chimico, dinamico, termodinamico. Ed in ogni sua forma, esistono tre condizioni di equilibrio, dette stabile, instabile ed indifferente.

http://www.sapere.it/sapere/strumenti/studiafacile/fisica/La-meccanica/L-equilibrio-e-il-moto-rotatorio-dei-corpi/Equilibrio-stabile--instabile--indifferente-ed-energia-potenziale.html

Una pallina in un avvallamento, tenderà a ritornare al centro di quell'avvallamento, questo è equilibrio stabile, cioè che tende a tornare nella sua posizione iniziale.

Una pallina in cima ad una cunetta, se spostata, tenderà a cadere, questo è equilibrio instabile, cioè che tende ad allontanarsi dalla sua posizione iniziale.

Se la pallina è su un piano orizzontale. Se la sposti, ovunque la sposti, quando il moto finisce, la pallina tenderà a restare lì dov'è. Questo è equilibrio indifferente, dove non si tende né a fuggire, né a ritornare allo stato iniziale.


 

5 – Mettiamo tutto insieme.

 

Una volta recuperati questi concetti, ci si può fare un'idea molto precisa di quanto alcune ipotesi sul controllo climatico, siano infondate.

E' importante capire che questi principi, sono inviolabili. Si può migliorare l'utilizzo dell'energia, o l'efficienza energetica di un dato lavoro, ma non si può produrre energia dal nulla, non si può non consumarla, non si può invertire l'entropia.

Inoltre, occorre sempre tener conto delle dimensioni relative al lavoro che si deve compiere. Poche gocce di acido, non possono dissolvere una montagna, così come qualche chilo di esplosivo.. ci vogliono ettolitri di acido, o svariate centinaia di tonnellate di dinamite, come minimo.

E quindi non sarà certo una singola bottiglia di aceto di mele, che dissolve scie su scie. Anche ammesso che funzionasse (e non funziona), ed anche ammesso che in qualche maniera l'aceto possa raggiungere le altissime quote in questione (cosa che al momento non è possibile), la quantità sarebbe comunque inadeguata.


 

6 – Applichiamo i concetti alla modifica climatica.

 

Un piccolo cumulo pesa qualcosa (per farsi un'idea) come 550 tonnellate (tant'è l'acqua che vi si trova dentro). Un temporale pesa circa 1.100.000 tonnellate ed un uragano 220.000.000 tonnellate.

Già la massa iniziale, rappresenta l'energia contenuta in questi fenomeni atmosferici. Si aggiunge a questo che cose come il temporale, ma soprattutto l'uragano, sono in movimento e si pensi quindi che sono soggetti ad ulteriore energia (termica, cinetica....)

Per controllarli, si può supporre di agire in due modi. Il primo modo, sarebbe quello di agire su di un equilibrio instabile. Significa che l'energia in questione è almeno comparabile con la massa minima iniziale, per dare il via al fenomeno che si vuole influenzare. E' il caso tipico del cloud seeding. Quantità modeste di ioduro d'argento, innescano una reazione, che trascina sé stessa. Migliora l'aggregarsi delle goccioline sospese, favorisce la precipitazione. Il punto è che come sempre, l'energia non si crea. Si usa la nuvola che c'è già. Se non ci fosse la nuvola, il poco ioduro utilizzato non servirebbe a nulla.

L'altro modo di agire, sarebbe quello di cercare di influenzare brutalmente un fenomeno. Spesso e volentieri si è detto, ad esempio, che HAARP sarebbe in grado di provocare uragani. Una volta che avete chiaro il concetto di energia complessiva e di conservazione dell'energia, provate a pensare ad un sistema che con qualche microonda (vuoi anche i famosi 3.600.000 watt massimi di Haarp) cerca di controllare un sistema di 220.000.000 tonnellate d'acqua, in movimento, che genera venti da 100 km/h, e che rilascia una potenza termica stimata tra i 50.000.000.000.000 e 200.000.000.000.000 watt.

Relativamente alle scie, considerato che un 747-8 cargo (uno dei cargo più grossi, mascherabili da aereo di linea), ha un carico utile di 140 tonnellate, provate a pensare cosa può fare ad una nuvola, ad un temporale, e ad un uragano....

 

(http://it.wikipedia.org/wiki/Ciclone_tropicale e http://it.wikipedia.org/wiki/Uragano_atlantico )

 

 

 

CEIFAN
Centro di Indagine sui Fenomeni Anomali
diretto dal
Servizio Antibufala

http://ceifan.org