Non stai cercando di essere felice: le tue azioni puntano all'opposto

 


 

Quello che segue è la trascrizione di un interessante video in inglese: https://www.youtube.com/watch?v=LO1mTELoj6o

 

Felicità: molti ti consigliano come ottenerla ma forse non stai cercando di essere felice. Le tue azioni puntano all'opposto. Tu vuoi essere il più triste depresso navigatore del mare della tristezza. È molto più facile da ottenere, e questo articolo presenta 7 tattiche che ti indicano la giusta rotta per le correnti oscure, e almeno una la stai già intraprendendo, quindi iniziamo.

#1 Resta fermo.


Stai al chiuso il più possibile, meglio se sempre dentro la stessa stanza. Diventa l'equivalente umano di un mucchio di vestiti sporchi, inerte e immobile. Non lasciarti tentare da una bella giornata, evita tutto ciò che potrebbe farti fare esercizio fisico. Facendo così il tuo cervello non produrrà alcuni neurotrasmettitori che potrebbero farti cambiare idea. L'immobilità porterà problemi medici che manterranno questo ciclo. L'immobilità è la cosa migliore che tu possa fare, quindi sii la pila di vestiti sporchi, fai tutto nella tua stanza. Vivi, lavora, gioca e dormi in pochissimo spazio vitale.

#2 Incasina il tuo sonno.
 

Lo spettro dell'insonnia sarà il tuo co-pilota nel mare della tristezza. La sua sola presenza è sgradevole, ma aiuta anche a confondere la parte produttiva del tuo cervello che potrebbe invece guidarti verso l'isola della felicità all'orizzonte. (approfondiremo più tardi).  Un sonno regolare è fragile e richiede tre giorni per stabilizzarsi. Cerca di variare il tuo orario a letto di diverse ore almeno due volte a settimana, ancora meglio: varia la tua sveglia. Dormi fino a tardi, meglio se molto tardi, alcuni ma non tutti i giorni e convinciti che lo fai per recuperare il sonno così da illuderti che sia salutare anche se ti senti male quando ti alzi presto e quando ti alzi tardi. Il sonno irregolare è un'altra delle correnti principali del Mare: Più modifichi il tuo sonno, più sarà difficile dormire regolarmente, il che renderà il tuo sonno più mutevole. Non dormire o non svegliarsi mai allo stesso orario naturalmente è l'obiettivo.

#3 Massimizza il tuo tempo davanti allo schermo.

Stare di fronte ad uno schermo è complementare alle tattiche precedenti. La noia potrebbe portarti al movimento, quindi lascia che sia lo schermo ad intrattenerti. La stanchezza può portarti a dormire, quindi lascia che sia lo schermo a tenerti sveglio, più o meno, il più possibile. Addormentati sempre con uno schermo in mano e rimettici gli occhi sopra non appena ti svegli. Ogni momento lontano dallo schermo è un momento in cui potresti accorgerti dell'orizzonte. Mantieni la testa bassa e lascia che le correnti ti spingano. Qui hai degli alleati sconosciuti. Dietro agli schermi ci sono team composti dalle persone più brillanti e dai più perspicaci robot che competono per mantenere la tua attenzione su di loro il più possibile. Lascia che ti riportino sulla giusta rotta, se dovessi naufragare.

#4 Usa il tuo schermo per alimentare le tue emozioni negative, per nutrire la rabbia o l'ansia per cose sulle quali non hai controllo o influenza.

Sii molto informato mentre non fai nulla. Le cose a cui tieni potrebbero guidarti fuori dal Mare, ragioni per uscire dalla tua stanza e intraprendere azioni significative con altre persone. Invece puoi usare ciò a cui tieni come ulteriore fonte di tristezza. Concentrati sulla negatività per alimentare il tuo risentimento o la tua disperazione. Se devi contribuire, fallo solo in modi insignificanti e simbolici, e sii deluso per la mancanza di cambiamento.

#5 Per raggiungere dei risultati, essi devono essere: specifici, misurabili, fattibili, per cui tu sei responsabile, e limitato nel tempo.

Siamo quasi alla fine e se lo stai facendo nel modo giusto, l'infelicità è vicina. Ma alcune parti del tuo cervello si stanno ribellando, cercano di far virare la barca puntando ad un obiettivo. Se non sei attento, questa parte del tuo cervello potrebbe salvarti, ma fortunatamente possiamo fare più che ostacolarla. Possiamo ingannarla per navigare più a fondo nel Mare. Io girerò il timone di un grado proprio ora.

Invece, imposta la parte produttiva del tuo cervello su obiettivi insulsi: Vaghi, amorfi, utopistici, irrilevanti, rimandati. Rendi l'obiettivo confuso e la strada confusa. Se la motivazione dovesse arrivare, punta ridicolmente in alto per garantire il tuo fallimento. "Oggi pulirò tutta la casa" è molto meglio che "Oggi farò il bucato di questa pila". Pulire l'intera casa è impossibile. C'è sempre qualcos'altro da fare, quindi fallirai sempre. Concentrati su risultati che sono oltre ciò che desideri raggiungere. Impara come introdurre sul mercato un applicazione prima ancora di imparare a scriverla. Questo distrarrà la parte produttiva del tuo cervello. E anche bene. E aspetta che arrivi la motivazione, invece di fissare un tempo. Farai qualcosa quando te lo sentirai, il che non succederà mai o mai abbastanza da importare.
Con gli obiettivi insulsi, trasformerai la parte produttiva del tuo cervello da una pericolosa fonte di miglioramento che ricompensa ogni piccolo passo, in un continuo lamento che ti rimprovera per il tuo fallimento di aver già conseguito il tuo obiettivo ad ogni passo del tuo cammino. Ora, gli obbiettivi insulsi che ti sei imposto dovrebbero distrarre la parte produttiva del tuo cervello ma se questo continua a lottare contro di te, puntalo verso il miraggio dal Mare della tristezza: le Isole della Felicità.

#6 Insegui direttamente la felicità.

La mente umana funziona in modo che salpando verso la felicità, raggiungerai l'opposto. Immagina la felicità come un posto dove la gente felice è sempre felice. Questo renderà la felicità come un sentimento irraggiungibile di costante beatitudine che nessuno ha. La vera felicita è come un uccello che potrebbe atterrare sulla tua barca, ma ciò non accadrà mai se cercherai continuamente di catturarlo. Invece, migliora la tua barca e salpa verso acque più calde. L'uccello atterrerà quando non starai guardando. Uh -- quindi sii sicuro di non farlo mai. Punta al miraggio della felicità, anziché migliorare la barca sulla quale stai salpando.

#7 Segui i tuoi istinti.

Navigare in fondo al mare della tristezza è piuttosto facile, poiché c'è un oscuro campo magnetico che punta la bussola dei tuoi impulsi nella giusta direzione una volta che hai iniziato. Vorrai stare in casa, vorrai non fare esercizio, vorrai dormire tutto il tempo, vorrai fare qualcosa che sai che ti renderà più triste dopo averlo fatto. La tua bussola ti indica la via, sia dentro che fuori, quindi segui i tuoi impulsi e sta lontano dal polo del futuro. E' tutto così semplice. Inizia con queste tattiche e lascia che il Mare ti trasporti con sé.
 

 


 

CEIFAN
Centro di Indagine sui Fenomeni Anomali
diretto dal
Servizio Antibufala

http://ceifan.org