Le luci di Phoenix

 

 

Negli avvistamenti UFO notturni c'è la costante di scambiare le luci degli aerei per UFO, così come c'è la costante che una esercitazione o parata aerea notturna diventa immancabilmente un caso "storico" di avvistamento UFO di massa, con tanto di fantomatica formazione di astronavi aliene o in alternativa singola gigantesca astronave (le cui luci degli aerei vengono interpretate come le luci di un grande UFO). Non mancano, ovviamente, molte persone che fanno di tutto per sfruttare e sensazionalizzare questi eventi.

Uno dei casi più ridicoli avviene ogni anno a Santiago in Cile, quando si grida puntualmente all'avvistamento UFO di massa in cui comparirebbero astronavi in formazione o una singola grande astronave: si tratta in realtà di una manifestazione aerea che si ripete annualmente con aerei T-35 Pillan. Il fatto che già il primo anno la questione sia ampiamente stata spiegata con la formazione di aerei non ha scoraggiato i puntuali avvistamenti di massa di UFO che sono avvenuti negli anni successivi ogni volta che si ripeteva la manifestazione, con tanto di speculazione e sensazionalizzazione dei filmati. Ecco qui un campionario dei video di queste parate aeree spacciati per UFO:

http://www.youtube.com/playlist?list=PL212147E7BBE31A95

Inutile aggiungere che moltissimi tutt'ora si ostinano a volerci vedere delle astronavi aliene nelle luci di quegli aerei, ma tale visione si può ben definire uno dei cardini dell'ufologia.

 

Tra gli avvistamenti di questo tipo più famosi abbiamo senza dubbio l'avvistamento collettivo di Phoenix (Arizona), noto anche come "luci di Phoenix" (Phoenix lights), che fu un doppio avvistamento collettivo di luci in formazione nel cielo di Phoenix che avrebbe coinvolto oltre 10.000 persone il 13 marzo 1997, fatto passare per astronavi in formazione o per le luci di una singola gigantesca astronave. Il livello di speculazione su questo avvenimenti è stato altissimo, nonostante la spiegazione fosse stata trovata in breve tempo ed era da imputarsi alle attività di esercitazione aerea della vicina base aerea militare di Luke.

Il primo avvistamento di massa fu spiegato da Mitch Stanley, un astrofilo, che osservò le luci usando il suo telescopio dobsoniano attrezzato con un TELEVUE 32mm. Egli poté osservare chiaramente che le luci non erano altro che aerei in formazione.
Il secondo avvistamento fu spiegato dalla U.S. Air Force come un serie di flare del tipo LUU-2B/B a lunga durata che furono lanciati da quattro aerei A-10 Warthog in esercitazione al Barry Goldwater Range presso la base aerea militare di Luke. La forma, la traiettoria e la luminosità degli oggetti osservati concordano totalmente con questa spiegazione.
Un altro avvistamento avvenne il 6 febbraio 2007, e venne filmato dalla locale stazione di Fox News TV. Anche in questo caso la FAA, così come l'aeronautica militare, confermarono che si trattava di flare lanciati da aerei F-16 in esercitazione alla Base Aerea militare di Luke.
L'aspetto abbastanza patetico della faccenda non è l'aver propagandato delle luci di aerei per UFO, pratica comune in ufologia, quanto l'aver appositamente ignorato le arcinote spiegazioni dell'evento (riportate perfino da wikipedia) per cercare di sfruttare il più possibile questo ennesimo falso avvistamento ufologico ridicolmente spacciato per qualcosa di inattaccabile.

Forse il simbolo di tutto questo è questo sito sensazionalistico dedicato alle luci di Phoenix: http://www.thephoenixlights.net

 

Una volta hanno fatto fatto un'intervista in un paesino di montagna poiché la sera prima era sfrecciata nel cielo una meteora: alcuni testimoni hanno affermato di aver visto gli oblò, uno ha affermato di aver visto la Madonna affacciata a uno degli oblò... Basta che sia luminoso e che sia in cielo e la gente ci vede quello che vuole. Per questo bisogna stare molto ma molto attenti nell'affrontare il fenomeno UFO.

 

 

CEIFAN
Centro di Indagine sui Fenomeni Anomali
diretto dal
Servizio Antibufala

http://ceifan.org