Bombardati e devastati gli scavi di Pompei nel 1943: una verità scomoda quasi sempre taciuta

 

 


Quasi sempre quando si vede un documentario su Pompei, quando la si visita, quando si leggono articoli o qualche libro, molto ma molto difficilmente sentirete parlare di un fatto terribile che accadde nel 1943: gli alleati bombardarono ripetutamente i preziosi scavi di Pompei, distruggendo edifici, opere d'arte e dipinti preziosissimi.

Furono dei bombardamenti inutili, ed è impressionante con quanta facilità si siano sganciate molte bombe dirette su edifici e templi antichi di 2000 anni, contenenti opere d'arte uniche.

Per questo alcuni hanno giustamente scritto che Pompei fu devastata 2 volte, una volta dal Vesuvio nel 79 ed un'altra nel 1943.

I risultati dei bombardamenti sono che molti edifici ed opere d'arte sono andate completamente distrutte o danneggiate. Alcuni edifici sono stati ricostruiti o riparati, ma per altri non c'è stato nulla da fare, sopratutto per opere uniche nel loro genere.

E la cosa che si può ben notare, è come questo fatto così grave sia tenuto praticamente nascosto, taciuto troppo spesso quando si parla degli scavi di Pompei. Perfino su internet non se ne parla quasi mai!

Siccome la vicenda è gravissima, consigliamo la lettura di questo libro di taglio professionale sull'argomento (quasi ufficiale), di cui è possibile anche visionare un'anteprima significativa con molte foto, che fa capire bene cosa accadde, quali sono stati i danni e cosa è andato perso per sempre:


https://books.google.it/books?id=nKc1p4-o8K4C&printsec=frontcover&hl=it&source=gbs_ge_summary_r&cad=0#v=onepage&q&f=false


Aggiungiamo che purtroppo un libro così importante, interessante e documentato, è venduto ad un prezzo altissimo che lo lascia al di fuori della portata del lettore medio: 130 euro! Almeno con l'anteprima disponibile gratuitamente in rete, di 83 pagine, è possibile avere una idea chiara su cosa è accaduto.

 

 

  

 

 

CEIFAN
Centro di Indagine sui Fenomeni Anomali
diretto dal
Servizio Antibufala

http://ceifan.org