Le profezie papali di San Malachia

 

 

articolo interamente tratto da qui:

http://www.attivissimo.net/antibufala/malachia/profezie_papali.htm

 

San Malachia, monaco cistercense vissuto tra il 1094 e 1148, avrebbe lasciato una profezia scritta, nella quale enumera i papi e ne prevede soltanto altri due dopo Giovanni Paolo II. A quel punto, secondo la profezia, Roma verrà distrutta e secondo alcune interpretazioni avverrà la fine del mondo.

La cosiddetta Profezia sui Papi di San Malachia elenca 112 papi, dal suo contemporaneo Celestino II fino alla fine del mondo. Ogni pontefice è indicato non per nome e cognome, ma mediante un breve motto in latino. La profezia sarebbe stata scritta da Malachia in seguito a una visione del futuro avuta durante una visita a Roma, e sarebbe stata consegnata a Innocenzo II, restando però sconosciuta negli Archivi Romani fino alla sua scoperta nel 1590. Fu pubblicata per la prima volta nel 1595 da Arnold de Wyon nell'opera Lignum Vitae

 

La fede religiosa non c'entra: il documento è considerato falso anche da molte fonti ecclesiastiche perché è molto dubbia l'autenticità della sua datazione. A parte questo, le sue profezie (specialmente quelle recenti) sono talmente vaghe da poter essere adattate a qualsiasi papa in qualsiasi circostanza, per cui finiscono per essere "profezie" soltanto se le si vuole interpretare forzatamente come tali.

 

Cominciamo dai problemi di autenticità. Il fatto che per quattrocento anni nessuno ne parli, compreso San Bernardo, che scrisse la Vita di San Malachia, è molto sospetto, anche se non è possibile escludere l'ipotesi che il documento sia rimasto sepolto negli archivi per secoli. Anche il fatto che l'elenco include degli antipapi sembrerebbe porre dubbi sull'autenticità del documento.

Un altro indizio a sfavore dell'autenticità è che i motti calzano con precisione i rispettivi papi fino al quindicesimo secolo e successivamente diventano "calzanti" soltanto con un notevole sforzo creativo. Questa differenza di precisione potrebbe essere spiegata senza ricorrere a facoltà mistiche, ma ipotizzando più semplicemente che il documento sia stato scritto intorno al quindicesimo secolo, potendo quindi beneficiare della straordinaria chiaroveggenza tipica di chi scrive dopo che gli eventi "previsti" sono già avvenuti. Tuttavia si potrebbe anche ipotizzare che la chiaroveggenza di San Malachia avesse una "portata" limitata, un po' come una radio ricetrasmittente, e perdesse precisione man mano che aumentava la distanza temporale.

La prova maggiore della sua falsità è che nella lista sono presenti tutti i Papi del periodo in questione, ma solo due antipapi su otto, proprio come nell'elenco preparato dallo storico Panvinio, contemporaneo di Vion [Arnold de Wyon, lo scopritore] che certamente ne conosceva l'opera. Non solo, anche il motto di alcuni Papi era elaborato sulla base di indicazioni biografiche erronee fornite da Panvinio. Se così non fosse, in base al documento, Malachia avrebbe non solo profetizzato i Papi futuri, ma addirittura copiato gli errori di uno storico vissuto quattrocento anni dopo di lui! Tutti i Papi precedenti il 1595, sono chiaramente indicati da un motto che ne sintetizza il casato o lo stemma, quelli successivi a tale data invece lo sono invece quasi tutti per elementi alquanto eterogenei.

 

Ma vediamo come sono fatti questi motti. Per esempio, prendiamo alcuni dei primi della lista, tutti (tranne il primo che cito qui) successivi alla morte di Malachia, e tutti molto calzanti:

Coincidenze davvero notevoli, vero? In tempi più recenti, invece, i motti si fanno molto più vaghi, e le loro spiegazioni diventano più "arrampicate":

Una prima parte dei motti, insomma, contiene indicazioni precise, spesso anche geografiche, e chiaramente attinenti a uno specifico papa. La parte successiva, invece, ricorre a espressioni vaghe e intercambiabili.

Come controprova di questa vaghezza, provate a scambiare papi e rispettive profezie: troverete che in quelle recenti c'è sempre qualche "spiegazione" che consente di farle calzare. Questo è un fenomeno tipico di molte profezie di origine religiosa o meno: si prende una frase vaga, la si confronta con un gran numero di eventi e fatti come quelli che costituiscono la vita di una persona, e alla fine, magari scavando un po' e usando una buona dose d'inventiva, sicuramente qualche nesso lo si trova.

Per esempio, la Religio depopulata andrebbe benissimo anche per molti altri papi del ventesimo secolo, perché potrebbe indicare il diffondersi dell'ateismo o di altre religioni; tutti i papi sono pastor et nauta, ossia pastori (del proprio gregge) e marinai (conducono la nave della fede); qualunque papa avrà una fides intrepida, e ogni papa è un flos florum perché è un cardinale scelto dai cardinali (un fiore tra i fiori).

Questa intercambiabilità, tuttavia, vale molto più per i papi recenti che per quelli più antichi, e il confine fra profezie precise e profezie vaghe si trova guarda caso intorno alla data del ritrovamento del documento attribuito a San Malachia.

 

Oltre a elencare papi, San Malachia (o chi per lui) dice cose piuttosto inquietanti a proposito del nostro futuro, ed è per questo oggetto di molto interesse da parte degli appassionati di profezie di sventura.

La sua profezia dice che al papa successivo a Giovanni Paolo II corrisponde il motto Gloria olivae. E' un motto talmente vago che sarebbe adattabile a chiunque: un papa italiano (terra delle olive), un papa non italiano (di carnagione olivastra), un papa che si adopera per la pace (l'ulivo è simbolo di pace), e così via. C'è anche un altro adattamento che sarebbe andato a pennello se fosse stato eletto uno specifico cardinale italiano: se conoscete i cocktail, non avrete dubbi nel concordare che Gloria olivae non può che riferirsi a... un Martini.

 

 

CEIFAN
Centro di Indagine sui Fenomeni Anomali
diretto dal
Servizio Antibufala

http://ceifan.org