Le scie degli aerei prima del 1995

 

 

I credenti nelle scie chimiche ignorano, o fanno finta di ignorare, che le scie degli aerei sono sempre esistite e sono documentate da molti decenni. Sono sempre state considerate come un innocuo fenomeno naturale bello da vedere. Qui di seguito ecco qualche foto che lo dimostra (si ringrazia anche questo sito per alcune di esse), prendendo spunto dalle immagini più interessanti, anche perché di foto amatoriali e semi professionali di scie degli aerei prima del 1995 ne esistono centinaia, anche dettagliate, basta farsi un giro su siti come questo per rendersene conto: https://www.metabunk.org/threads/pre-1995-persistent-contrail-archive.487/

 

 

Ecco questa immagine che i complottisti delle scie chimiche etichetterebbero subito come una prova schiacciante delle scie chimiche:

 

 

 ma in realtà è una immagine del 1967, tratta dal vecchio libro chiamato "Cloud Studies in Colour" scritto da Richard Scorer e Harry Wexler, che mostra le stesse scie naturali provocate dagli aerei che compaiono oggi come in passato, anzi, comparivano anche ai tempi della seconda guerra mondiale, come si vede in centinaia di foto, ad esempio (da notare le scie persistenti):

 

 

 

 

 

 

Già nel 1943 c'erano riviste che spiegano perché gli aerei fanno le scie (e pensare che c'è chi pensa che si tratta di un misterioso fenomeno recente). Si tratta della nota rivista Popular Science del marzo 1943, pagina 55:

http://books.google.it/books?id=KCcDAAAAMBAJ&pg=PA55&redir_esc=y#v=onepage&q&f=false

 

 

 

Ecco alcune foto di scie degli aerei presenti in un famoso studio tedesco sul tema di Ernst Schmidt del marzo 1940. L'articolo si chiama "Die Entstehung von Eisnebeln aus den Auspuffgasen von Flugmotoren" cioè la formazione di nuvole di vapore dovute all'evaporazioni dei motori degli aerei:

 

 

 

 

Nella rivista Life Life Magazine del 29 novembre 1943, pp 69-83 https://www.metabunk.org/attachments/target-germany-pdf.1303/ si parla chiaramente delle scie lasciate dagli aerei durante la guerra, con tanto di foto, tra cui la seguente:

 

 

Questa è un altra bella foto del 1944 :una formazione di bombardieri B-17Gs del 340th Bomb Squadron, 97th Bomb Group in volo verso Linz, Austria, mentre la  scorta di caccia P-38 Lightning fa ulteriori scie sopra di loro (da "History and Units of the United States Air Force", G H J Sharrings, European Aviation Historical Society).

 

 

Perfino la storica rivista Life del 20 dicembre 1944 ci mostra questa foto a colori piena di scie persistenti, scattata durante la Battaglia delle Ardenne:

 

 

 

La famosa rivista Pupular Mechanics nel novembre 1944 pubblica delle foto di Bombardieri B-17 mentre lasciano delle scie, con tanto di didascalia che le evidenzia:

 

http://books.google.com/books?id=JN8DAAAAMBAJ&pg=PA52&dq=popular+mechanics+vapor+trail&hl=en&sa=X&ei=zAo1U-mtGoSUqwHb3YDYDA&ved=0CDMQ6AEwAg#v=onepage&q=popular%20mechanics%20vapor%20trail&f=false

 

 

 

Nel volume II dell'International Cloud Atlas, pubblicato nel 1987 dalla World Meteorological Organization, a pagina 166 e 167 si parla ancora delle scie degli aerei, con tanto di loro foto del 1944 e del 1945, e con relativa descrizione e spiegazione: http://library.wmo.int/pmb_ged/wmo_407_en-v2.pdf

 

 

 

 

Ed in questo documentario del 1945 è possibile vedere delle scie lasciate dagli aerei della seconda guerra mondiale durante i bombardamenti sulla Germania: https://www.youtube.com/watch?v=5hp0x80fqOU

 

 

 

Le immagini delle scie degli aerei nella seconda guerra mondiale sono presenti anche nelle foto sulle enciclopedie di storia dell’aviazione, come nel caso seguente in cui si può vedere un’intera formazione di fortezze volanti B-17 mentre rilascia involontariamente scie di vapore condensato esattamente come fanno i nostri moderni aerei di linea.

 

 

Nel riquadro a destra c’è il commento della foto, di cui riportiamo una parte, nel caso si leggesse male:
Inquadrate in modo da ottenere la massima protezione reciproca, queste Fortezze B-17 dirette contro Brunswick si lasciano dietro scie di condensazione. Durante gli anni 40 della seconda guerra mondiale, il nemico non disponeva certo dei missili Terra-Aria a guida radar o infrarossa che disponiamo oggi. L’unica contromisura dagli attacchi aerei erano i cannoncini antiaereo, ma la gittata e la precisione diminuiva ovviamente col crescere della quota. Per far fronte a queste contromisure, i bombardieri dell’epoca cercavano di salire più in alto possibile, così da essere più al sicuro dalla contraerea, ma a causa delle contrails di vapore emesse dai loro motori a pistoni, venivano inesorabilmente avvistati ancora prima che le sagome dei velivoli fossero visibili all’osservatore.

Ancora oggi è possibile avvistare facilmente un aereo senza neppure vederlo. Basta rivolgere lo sguardo nel cielo all’orizzonte, e la prima cosa che si vedono sono le contrails, visibili anche da cento chilometri di distanza. E dove c’è una contrails c’è ovviamente anche un aereo che sta volando, anche se non lo si vede direttamente. Questa è una delle ragioni principali per cui gli aerei militari odiano letteralmente le contrails, le temono molto, e se potessero non le emetterebbero proprio, pena la totale perdita dell’effetto sorpresa.

Facciamo presente che l’effetto sorpresa è sempre stato al primo posto assoluto nella tattica strategica di ogni guerra aerea, e se questo viene a mancare a causa di una fastidiosa scia di vapore condensato, l’aereo diventa un facile e sin troppo prevedibile bersaglio, nonché un mezzo che vedrà diminuire considerevolmente la sua capacità bellica.

A tale ragione molti piloti della seconda guerra hanno coniato frasi molto significative che racchiudono il significato più profondo della strategia aerea e della filosofia di quei piloti: “Non si può abbattere ciò che non si vede.” Frasi come questa sono proprio in diretto contrasto con le contrails. Dato che le contrails SI VEDONO, non si dovrebbero produrre per nessuna ragione al mondo, altrimenti in guerra si è spacciati! In quest’altra foto, fotocopiata sempre dalla medesima enciclopedia, si vede un altro esempio concreto di contrails.

 

 

Il commento è chiaro e sin troppo eloquente. Le scie sono vapore acqueo condensato. Punto. Per cui niente “spruzzatori” o altre stupidaggini che si leggono in giro per la rete.
Come dicevamo, le contrails sono un grave difetto per un aereo militare. Per contrastarle sono stati fatti lunghi studi, ma nessuno veramente efficace. Essendo le contrails un fenomeno del tutto naturale, è praticamente impossibile ingannare la fisica e madre natura oltremodo, per cui finché ci saranno motori a combustione a spingere gli aerei ci saranno sempre contrails di vapore condensato dietro di essi.

 

 

 

Esiste un interessante studio del 1946 sulle scie degli aerei, "Condensation trails" di a. W. Brewer, pieno di spiegazioni su questo fenomeno, scie persistenti comprese:

http://www.metoffice.gov.uk/media/pdf/c/3/1946_Brewer_condensation_trails.pdf

In una delle pagine c'è anche una bella immagine di scie d'aerei d'epoca:

 

 

 

E potremmo continuare all'infinito con questi esempi, guardate ad esempio la copertina di questo libro del 1959 sui bombardiere famosi della seconda guerra mondiale, con tanto di scie in bella vista ovunque:

 

 

 

In questa pagina abbiamo raccolto alcune immagini in bianco e nero delle scie lasciate dagli aerei nella seconda guerra mondiale, cioè 70 anni fa circa: CLICCA QUI

 

 

Nel libro russo del 1955 "Aeronautical Meteorology" di Matveev e Smirnov, si parla anche delle scie degli aerei con tanto di foto a supporto:

 

 

Ed ovviamente sono documentate anche nei decenni successivi, come ad esempio questa foto del 1954, di Ansel Adams intitolata “Rails and Jet Trails”, si vedono chiaramente scie di arei:

 

 

Le scie, non solo nella seconda guerra mondiale, sono spesso state associate agli aerei come una loro componente tipica, ad esempio qui vediamo il libro "VAPOUR TRAILS" del 1956 scritto da Mike Lithgow e riguardante storie ed aneddoti di piloti britannici che testavano aerei:

 

 

 

Una impressionante foto del 1957 mostra tante scie lasciate nel cielo da 90 bombardieri durante una manifestazione aerea, come riportato da Flight Magazine del 13 settembre 1957 (http://www.flightglobal.com/pdfarchive/view/1957/1957%20-%201341.html)

 

 

 

 

In questo video degli anni '50 si vede un aereo B-36 lasciare grandi scie di condensazione: https://www.youtube.com/watch?v=t0o6XiyfgkU

come mostra anche questo fotogramma:

 

 

 

Nella pubblicità del Boeing 707 degli anni'50 comparivano fieramente le scie lasciate dagli aerei:

http://www.vintageadbrowser.com/airlines-and-aircraft-ads-1950s/27

http://www.vintageadbrowser.com/airlines-and-aircraft-ads-1950s/87

 

   

 

 

 

E di queste scie naturali, che oggi spacciano per scie chimiche, ne parlavano in dettaglio molti testi già in passato, ad esempio l'Enciclopedia Britannica, edizione 1960, dedica un'intera voce alle "condensation trail":

http://farm4.static.flickr.com/3253/2738627707_2b39a595e2_b.jpg

http://farm4.static.flickr.com/3137/2739467190_8339508e43_b.jpg

 

 

Su testi d'epoca si trovano facilmente foto di scie risalenti agli anni'60, come le tre seguenti, in cui anche nelle descrizioni si parla inequivocabilmente di scie di aerei:

 

 

   

 

 

Scie persistenti in un libro del 1963 di Richard Scorer & Harry Wexler "A Colour Guide to Clouds" Pergamon Press, consultabile anche qui
 

 

 

Scie di aerei persistenti in immagini dal film Spartacus del 1959-1960 ( la prima venduta pure come poster http://www.moviepostershop.com/spartacus-movie-poster-1960/CE3695 e presente a risoluzione più alta qui http://www.cinema.de/bilder/spartacus,1338405.html, la seconda presente qui http://life.time.com/culture/rare-never-seen-spartacus-at-50/?iid=lb-gal-viewagn#1)

 

 

 

 

Interessante foto del 1960 mostrante una visuale particolare di una scie di aereo:

 

 

 

Foto del 1961 riprendente scie di un aereo (http://www.flickr.com/photos/dboo/366363251/):

 

 

 

Immagine di una sequenza del film Irma la Douce del 1963 con una scie persistente di aereo:

 

 

 

Immagine del film "Italia Job"  del 1969 con tanto di scia di aereo:

 

Le scie degli aerei si vedono in molte foto d'epoca dell'aviazione militare, ad esempio questa è una famosa foto del 1970 in cui un bombardiere B-52 rilascia l'aereo sperimentale X-24A (qualche info in merito qui):

 

 

 

Il libro Cloud of the words di Richard Scorer, del 1972, è pieno di spiegazioni e foto di ogni genere sulle scie degli aerei, comprese quelle che oggi sembrano "strane" a tante persone ignoranti in materia:

https://plus.google.com/photos/107393796095434664991/albums/5363662113705530081?banner=pwa

 

 

 

Scie persistenti di un aereo in una sequenza del film "Joe Kidd" con Clint Eastwood del 1972:

 

 

 

Scie che si vedono in alcune sequenze del film Gizmo del 1977:

 

 

 

 

Scie persistenti in una foto del 1978 fatta in Svizzera:

 

 

 

Immagine dal testo russo Cloud Atlas di Hrgian e Novojilov che riprende una evidente scia di aereo su territori sovietici (http://elib.rshu.ru/files/img-214103409.pdf pag 49-50):

 

 

 

 

Le scie degli aerei compaiono anche nel testo "Come osservare il Cielo", di Colin A. Ronan, Storm Dunlop e Brian Jones, edito dall'Istituto Geografico De Agostini nel 1987 come traduzione del testo inglese The Skywatcher's Handbook del 1985. Anche questo libro parla già di queste famose scie, come si può vedere QUI o più in piccolo nell'immagine seguente:

 

 

 

In un libro del 1981 intitolato "A Field guide to the Atmosphere“ di Schaefer e Day, sono contenute a pagina 173 e 174 queste foto di scie di aerei:

 

 

 

 

Ecco alcune foto del 1981 che mostrano delle scie persistenti (http://www.flickr.com/photos/dboo/5816352208/in/set-72157626758323860)

 

 

 

Spettacolari le scie lasciate dall'aereo Douglas DC-8-62 in questo filmato del 1982, in cui si evidenzia bene per l'ennesima volta come gli aerei abbiano sempre emesso le scie che vediamo oggi e che sono considerate da sempre una cosa naturale e perfino bella:

 

https://www.youtube.com/watch?v=NRNyDgXylsE

 

 

 

Scie di aerei in una foto del 17 giugno 1985 (http://www.flickr.com/photos/bobmendo/19989783/)

 

 

 

Nella 100 lire del vaticano anno 1985 comprare in bella vista un aereo che fa le scie nei cieli:

 

 

Scia di aereo in una sequenza del film Superman IV del 1987:

 

 

 

Foto del 1989 mostrante scie di aerei:

 

 

 

Un poster scolastico del 1989 fatto dalla Deutsche Zentrum für Luft- und Raumfahrt e. V. (DLR) e mostrante le scie degli aerei osservate dallo spazio ed una riflessione sul loro aumento a causa dell'aumentare del traffico aereo:

 

 

 

 

Due caccia F15 USAF scortano due caccia MIG-29 sovietici all'Abbotsford airshow nel 1989, via Elmendorf in Alaska, la visuale delle scie degli aerei :

http://theaviationist.com/wp-content/uploads/2012/02/intercettazione.jpg (immagine di alta qualità)

 

 

 

 

Nel 1991 le scie degli aerei compaiono nel libro "Peterson First guide to Clouds and Weather"

 

 

 

Scie persistenti di aereo anche nel film Terminator 2 del 1991:

 

 

 

In un album fotografico del 1994 chiamato John Shaw's Landscape Photography si parla di scie degli aerei:

http://books.google.it/books?id=kUXNT-xPcuQC&lpg=PP1&dq=editions:tXdfb-Nw0AMC&pg=PA113&redir_esc=y#v=onepage&q&f=false

 

 

 

Altre foto le trovate qui:

 

https://www.metabunk.org/threads/pre-1995-persistent-contrail-archive.487/

 

 

 

Torna alla pagina iniziale

 

 

CEIFAN
Centro di Indagine sui Fenomeni Anomali
diretto dal
Servizio Antibufala

http://ceifan.org