Scie lasciate dagli aerei nella seconda guerra mondiale

 

 

Le scie naturali che vengono spacciate per chimiche sono in realtà qualcosa di studiato e documentato da oltre 70 anni, di cui si sa praticamente tutto. Infatti, basta guardare i numerosissimi filmati e le numerosissime foto della seconda guerra mondiale per ritrovare le famose scie naturali che oggi vengono spacciate per chimiche dai ciarlatani.

Ecco qualche esempio di queste foto:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il famoso aereo B-24 Liberators mentre lascia scie nei cieli durante la seconda guerra mondiale:

(per una migliore qualità: https://www.flickr.com/photos/dougsheley/4319045821/sizes/l/ e https://www.flickr.com/photos/dougsheley/4289892356/in/set-72157607353942605/)

 

 

 

 

Scie di aerei (quella che si vede è la cattedrale di St.Paul) durante la battaglia d'Inghilterra (Battle of Britain):

 

 

 

 

 

 

 

 

Foto del 1945 riprendenti il 100th bomb group:

 

 

 

 

Le due foto che seguono sono del settembre 1944 e riprendono il 100th bomb group:

 

 

 

 

Le due immagini seguenti sono del 1943 e ritraggono i B-17s del 379th Bomb Group 1943 Miles F. Lisenby

 

 

 

 

Questa è un altra bella foto del 1944 :una formazione di bombardieri B-17Gs del 340th Bomb Squadron, 97th Bomb Group in volo verso Linz, Austria, mentre la  scorta di caccia P-38 Lightning fa ulteriori scie sopra di loro (da "History and Units of the United States Air Force", G H J Sharrings, European Aviation Historical Society).

 

  

 

 

Scie di aerei nei cieli di Amburgo (Germania) nel 1943:

 

 

 

Perfino la storica rivista Life del 20 dicembre 1944 ci mostra questa foto a colori piena di scie, scattata durante la Battaglia delle Ardenne:

 

 

 

Nella rivista Life Life Magazine del 29 novembre 1943, pp 69-83 https://www.metabunk.org/attachments/target-germany-pdf.1303/ si parla chiaramente delle scie lasciate dagli aerei durante la guerra, con tanto di foto, tra cui la seguente:

 

 

 

 

Già nel 1943 c'erano riviste che spiegano perché gli aerei fanno le scie (e pensare che c'è chi pensa che si tratta di un misterioso fenomeno recente). Si tratta della nota rivista Popular Science del marzo 1943, pagina 55:

http://books.google.it/books?id=KCcDAAAAMBAJ&pg=PA55&redir_esc=y#v=onepage&q&f=false

 

 

 

Ecco alcune foto di scie degli aerei presenti in un famoso studio tedesco sul tema di Ernst Schmidt del marzo 1940. L'articolo si chiama "Die Entstehung von Eisnebeln aus den Auspuffgasen von Flugmotoren" cioè la formazione di nuvole di vapore dovute all'evaporazioni dei motori degli aerei:

 

 

 

 

La seguente è una immagine dal libro "Jane's - Battles With The Luftwaffe. The Bomber Campaign Against Germany 1942-45" di Theo Boiten e Martin Bowman.
La didascalia della foto è questa, e sottolinea il fatto che gli aerei stanno rilasciando scie: "B-17s in their combat boxes leaving vapour trails - signposts in the sky for the Luftwaffe - as they head for their targhet. USAF".

 

 

 

Nello stesso libro c'è anche l'immagine seguente, la cui didascalia è
"an almost daily sight from 1943 onwards: vapour trails of American bomber boxes heading into the hostile skies over the Third Reich stand out against a clear blue sky over the Friesan Island of Terschelling. Note the Freya early warning radar to the right of lighthouse, which formed part of "Tiger", the Himmelbett GCI night-fighting station on the island. 't Behouden Huys." che tradotta è "uno spettacolo quasi quotidiano dal 1943 in poi: scie di vapore di bombardieri americani nei cieli ostili sopra il Terzo Reich si stagliano contro un cielo azzurro sopra l'Isola Friesan di Terschelling. Notare il Freya radar d'allarme a destra del faro, che faceva parte del "Tiger", la stazione di combattimento-notturno Himmelbett GCI dell'isola."

 

 

 

La famosa rivista Pupular Mechanics nel novembre 1944 pubblica delle foto di Bombardieri B-17 mentre lasciano delle scie, con tanto di didascalia che le evidenzia:

 

http://books.google.com/books?id=JN8DAAAAMBAJ&pg=PA52&dq=popular+mechanics+vapor+trail&hl=en&sa=X&ei=zAo1U-mtGoSUqwHb3YDYDA&ved=0CDMQ6AEwAg#v=onepage&q=popular%20mechanics%20vapor%20trail&f=false

 

 

 

Le immagini delle scie degli aerei nella seconda guerra mondiale sono presenti anche nelle foto sulle enciclopedie di storia dell’aviazione, come nel caso seguente in cui si può vedere un’intera formazione di fortezze volanti B-17 mentre rilascia involontariamente scie di vapore condensato esattamente come fanno i nostri moderni aerei di linea. Nel riquadro a destra c’è il commento della foto, di cui riportiamo una parte, nel caso si leggesse male: Inquadrate in modo da ottenere la massima protezione reciproca, queste Fortezze B-17 dirette contro Brunswick si lasciano dietro scie di condensazione.

 

 

 

Nel volume II dell'International Cloud Atlas, pubblicato nel 1987 dalla World Meteorological Organization, a pagina 166 e 167 si parla ancora delle scie degli aerei, con tanto di loro foto del 1944 e del 1945, e con relativa descrizione e spiegazione: http://library.wmo.int/pmb_ged/wmo_407_en-v2.pdf

 

 

 

 

Ovviamente esistono anche video ad esempio della seconda guerra mondiale che mostrano la presenza delle scie, come il seguente che mostra immagini tratte dal documentario del 1944 Memphis Belle di William Wyler (scaricabile legalmente da Archive.org), che mostrano bombardieri B-17 a elica che lasciano vistosissime scie che talvolta s'interrompono: http://www.youtube.com/v/wfOrez6q7WM

 

E appaiono anche in frammenti di filmati d'epoca: http://www.youtube.com/v/GEI0urp2wdw

 

In questo filmato sono raccolti alcuni spezzoni di filmati girati in Gran Bretagna tra il 1940 e il 1949, visibili presso il sito della British Pathé: http://www.youtube.com/v/MnMENC0XdV0

 

Scie di aerei alleati della seconda guerra mondiale nei cieli del Belgio: http://www.youtube.com/v/jo6rgrnY6TU

 

Scie dei bombardieri B-24 Liberators durante la seconda guerra mondiale: http://www.youtube.com/v/kQ_yoNPvY-4

 

Bombardieri B-17 che lasciano scie nei cieli durante la seconda guerra mondiale (Army Air Forces Combat Subject Mission To Bremen): https://www.youtube.com/watch?v=WhiC-o_3PAA

 

 

Ed in questo documentario del 1945 è possibile vedere delle scie lasciate dagli aerei della seconda guerra mondiale durante i bombardamenti sulla Germania: https://www.youtube.com/watch?v=5hp0x80fqOU

 

 

 

Perfino in quadri della seconda guerra mondiale appaiono le scie, come nel dipinto di Paul Nash chiamato Battle of Britain, 1941, Imperial War Museum:

 

 

 

D'altronde le scie degli aerei della seconda guerra mondiale sono da sempre anche nell'immaginario di artisti ed illustratori:

 

 

 

E potremmo continuare all'infinito con questi esempi, guardate ad esempio la copertina di questo libro del 1959 sui bombardiere famosi della seconda guerra mondiale, con tanto di scie in bella vista ovunque:

 

 

 

E sono citate nei rapporti d'epoca, come questo Rapporto di Guerra del settembre 1942, redatto dal Langley Memorial Aereonautical Laboratory - National Advisory Committee for Aeronautics. Riguarda specificamente le scie degli aerei, dove avvengono e cosa può essere fatto per  cercare di evitarle, infatti rendevano gli aerei visibili dal nemico in guerra ed erano pericolose:

http://www.dtic.mil/dtic/tr/fulltext/u2/a801456.pdf

se non riuscite a scaricarlo cliccate su questo mirror:

CLICCA QUI

 

 

Naturalmente ci sono anche le testimonianze di chi, all'epoca della seconda guerra mondiale, vedeva da terra le scie degli aerei.  Ad esempio c'è questa testimonianza italiana di Roberto Cassinis, ordinario in pensione di Fisica Terrestre:
<< Chi scrive conserva il ricordo incancellabile di spettacoli grandiosi “goduti” gratuitamente nel Mediterraneo 65 o 66 anni fa. E poi, ogni tanto, un altro spettacolo: sopra di noi, in cielo, fasci di innumerevoli scie bianche che ci sorvolavano. Gli aerei che le producevano erano appena visibili per quanto fossero dei grossi B17 (fortezze volanti) o dei B24 (“Liberator”), carichi di bombe che, in stormi di diecine o, talora, di centinaia, procedevano verso N per compiere missioni di bombardamento sulle nostre case nell’Italia ancora occupata dai nazisti e dai fascisti di Salò, oppure sulla Germania meridionale.
Non ci facevamo tante domande sulla natura delle scie: ci sembrava logico che alla quota di crociera di quegli aerei (8000-10000 m) avvenisse la condensazione del vapor d’acqua contenuto nei gas di scarico dei motori (in quel caso si trattava di motori a pistoni ma lo stesso fenomeno si verifica per gli aerei a reazione); la condensazione avviene in misura così notevole perché a quella quota la temperatura esterna è dell’ordine di – 40°C.>>

 

Le scie degli aerei sono rimaste un fenomeno (una curiosità scientifica) poco studiato fino all'inizio della seconda guerra mondiale quando apparve evidente che la loro formazione era importante per l'avvistamento degli aeromobili. I piloti furono in grado di utilizzare le scie di condensazione per rintracciare facilmente gli aeromobili nemici, ed a volte le utilizzarono per nascondersi e sorprendere il nemico! Le scie degli aerei causarono occasionalmente anche problemi di visibilità all'interno di grandi formazioni di aeromobili; infatti quando gli aerei generavano scie dense e persistenti era più difficile rimanere in formazione, provocando addirittura problemi di collisioni.

Per risolvere questi questi problemi, in Germania, Gran Bretagna e Stati Uniti durante la guerra iniziarono le ricerche per capire come si producono le scie di condensazione e stabilire quali sono le condizioni favorevoli alla loro formazione.

 

Altre foto delle scie degli aerei nella seconda guerra mondiale possono essere viste qui:

https://plus.google.com/photos/107393796095434664991/albums/5235534135256807809?banner=pwa

 

Qui è possibile leggere la storia delle scie degli aerei nella seconda guerra mondiale:

http://jazzroc.wordpress.com/2008/10/19/34-wwii-contrail-story/

 

 

Le scie degli aerei prima del 1995

 

 

CEIFAN
Centro di Indagine sui Fenomeni Anomali
diretto dal
Servizio Antibufala

http://ceifan.org