I complotti sui vaccini

 

 

 

Capita ancora di leggere o sentire le affermazioni di alcuni complottisti ignoranti che invitano a boicottare le vaccinazioni. Si tratta di deliri provenienti da noti inattendibili personaggi, spesso squilibrati, o da siti siti bufala di complottisti antiscientifici di dubbia moralità e zero attendibilità.
I reati ravvisabili da queste fonti bufala vanno dalla circonvenzione d'incapace, al falso ideologico, all'attentato alla salute pubblica, all'ostacolo al soccorso. In alcuni casi si arriva anche al favoreggiamento ed alla complicità in truffa.

La colpa è anche della gente, visto che non ci si informa leggendo siti bufala scritti da chissachì, i quali quasi sempre sono soggetti deliranti e paranoici senza la minima preparazione in campo medico o biologico o, peggio ancora, truffatori senza scrupoli.

Solo persone competenti possono dare informazioni valide, non il ciarpame che circola in rete, e le persone competenti non avallano mai i deliri dei complotti sui vaccini.

Le stesse cospirazioni sui vaccini sono ridicole ed impossibili, visto che dovrebbero parteciparvi un numero sterminato di medici, farmacologi e biologi, oltre alle tante associazioni sulla salute e sui controlli: sarebbe un complotto impossibile da realizzare, inverosimile perfino per un libro di fantascienza.

Che poi le case farmaceutiche producano farmaci per lucro e non per spirito umanitario è risaputo.
Che forse a volte qualche studio possa essere taroccato ci sta pure... come in tutti i campi, non solo nella medicina.
Ma che tutti, dai farmacologi ai medici siano corrotti è assurdo, matematicamente impossibile.
Però esiste l'istituto della Farmacovigilanza che permette di monitorare gli effetti di un farmaco quando viene somministrato su grandi numeri... ed è questo che permette di verificarne la validità o la sua pericolosità.


Fra l'altro, sfatiamo un pò il mito dei farmaci pericolosi messi in commercio volutamente dalle industrie.
Le industrie spendono cifre enormi per individuare, creare e sperimentare un nuovo farmaco, ed è nel loro pieno diritto riprendere con gli interessi questi soldi.
Assumiamo che un farmaco in sede di sperimentazione si riveli potenzialmente dannoso.
Quale è l'utilità della sua messa in commercio dato che esistono organi indipendenti di valutazione di questo farmaco?
E se anche gli organi stessi fossero corrotti, resterebbero sempre i medici sia di base che specialisti, che si renderebbero conto benissimo che quel farmaco X provoca tutta una serie di problemi, per cui in un modo o nell'altro questo verrebbe ritirato dal commercio esattamente come è accaduto per il Vioxx.
Altra considerazione: quale è l'azienda così imbecille da uccidere i suoi clienti????
Un'azienda ha tutto l'interesse a che il paziente viva a lungo, non per bontà d'animo, ma perché così consumerà moltissime dosi di farmaco, facendola guadagnare sempre di più.
Che senso avrebbe far del male ai propri clienti, quando si sa benissimo che poi la cosa verrebbe fuori???
Ma per favore...
Per credere a complotti su queste cose bisogna davvero essere gente che crede a tutte le bufale senza uno straccio di prova solo per amore del bastian contrario.

A volte è capitato che a sostegno dei vaneggiamenti complottistici vengano presentate le menzogne di medici moralmente ripugnanti che, dimenticato ogni scrupolo scientifico, cercano facili guadagni scrivendo libretti allarmistici e catastrofisti da vendere agli sprovveduti.
I babbei che abboccano e li pubblicizzano abbondano sul web, dunque è ancora più importante rivolgersi direttamente al proprio medico, evitando il fai-da-te e gli imbroglioni, per informarsi correttamente su questioni riguardanti la salute.

Non mancano neanche le fonti di informazioni valide dove vengono pubblicati gli studi dei migliori professionisti del mondo, come il seguente sito:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/

O altre fonti di informazione serie:

http://www.levaccinazioni.it/Professionisti/AltreFonti/index.asp

Ma è ovvio che per alcuni siano più attraenti i siti pieni di bufale.

 

A tal proposito i medici, quelli veri, ci ricordano che (tratto da qui):

Faccio una prima considerazione sulla demonizzazione di questi farmaci che tanto hanno dato alla specie umana: c'è chi arriva a diffondere allarmi incredibili, si arriva addirittura a definirli "armi di sterminio" e chi dice che abbiano l'obiettivo di decimare la popolazione mondiale. Possiamo affermare che come arma di sterminio di massa i vaccini hanno fallito completamente, sono inefficaci, visto che dopo decenni di vaccinazioni in tutto il pianeta la popolazione mondiale è addirittura aumentata. Per chi allarma il prossimo in malafede sarebbe bene smetterla, per chi lo fa per ignoranza è giunto il momento di informarsi.
È comunque singolare come una scoperta che ha rivoluzionato la vita dell'uomo sulla terra, che ha salvato milioni di vite umane e di bambini, oggi venga accusata di pericolo e danni inesistenti.
Lo ripeto così chiarisco la mia posizione: la stragrande maggioranza di informazioni che si trovano in rete e che si diffondono tramite mail, catene, social network, sono false, inutilmente allarmistiche ed infondate.
Senza nulla togliere all'evidenza che le industrie farmaceutiche hanno come obiettivo la vendita dei loro prodotti ed anche il vaccino è un prodotto farmaceutico, e senza smentire il noto e intrinseco ma rarissimo rischio di un effetto collaterale, posso tranquillizzare tutti, i genitori soprattutto, sull'efficacia e sulla sicurezza dei vaccini. Boicottare il pane perché anche se bene di prima necessità è venduto dai fornai che ci guadagnano è un ragionamento da idioti.
I vaccini sono un bene dell'umanità e chiunque abbia qualcosa di costruttivo da dire prima di criticarli (perché ce ne vogliono di elementi seri per criticare i vaccini) dovrebbe prima di tutto studiare meglio l'argomento e non fermarsi ai proclami catastrofici di alcune fonti inaffidabili.
I vaccini sono stati e restano una delle migliori invenzioni del genio umano. Punto.

 

Purtroppo l'ignoranza e la credulità fa spesso da padroni, e quindi su internet si diffondono facilmente le idiozie contro i vaccini, spesso promosse e messe in circolazione da noti ciarlatani. Non meraviglia quindi che questa psicosi idiota finisca anche per intaccare il mondo reale, con persone che non fanno vaccinare i propri figli o che scendono in piazza a manifestare scelleratamente contro i vaccini:

 

 

 

Vaccinati vs non vaccinati

 

Premessa: tratto da qui

 

E' uno dei dubbi nella discussione del nesso tra vaccinazioni e gravi malattie. Ne ho parlato a sufficienza e l'hanno fatto in molti prima di me. Questo nesso è smentito dalle evidenze e dalle innumerevoli ricerche in merito effettuate nonostante il fatto che i principali fautori di queste ipotesi avessero utilizzato argomenti fragili quando non fraudolenti (con il caso Wakefield-autismo su tutti) per supportare le loro tesi.

Sono pochi gli studi che misurano i casi di autismo paragonando individui vaccinati e non sottoposti a vaccinazione. Il più noto ed accurato (già per la vastità del campione considerato) è uno studio danese che analizzando i dati di più di 537.000 bambini ha accertato che non vi è alcuna differenza di incidenza di autismo tra individui vaccinati e non vaccinati.


Le motivazioni di questa scarsità di studi sono varie, la prima è che è molto difficile ottenere un campione attendibile e corposo (in Italia ad esempio è vaccinato quasi il 96% della popolazione residente) per fare un calcolo statistico definitivo. In più esistono motivi etici ed economici ma anche di realizzazione pratica (l'autismo è una problematica molto complessa che si manifesta anche parecchi anni dopo la nascita e con molte sfumature così come altre malattie ipotizzate dagli antivaccinisti) e ricca di fattori "confondenti".

Uno degli argomenti più tipici degli antivaccinisti è la supposta pericolosità della vaccinazione perché "stresserebbe" il sistema immunitario dei bambini (ma gli antivaccinisti non fanno caso al fatto che il sistema immunitario dei bambini è "sotto stress" già dal primo secondo di vita) causando diversi problemi, primo tra tutti le allergie ed in generale indebolendo gli individui vaccinati. L'ipotesi non ha basi scientifiche e non ha mai trovato conferma ma la mancanza di studi specifici ha dato modo di far spargere allarmismi da chi di questi allarmi ci vive, spesso con cure alternative truffaldine.

Possiamo affermare comunque che in base alle ricerche finora effettuate non vi è alcuna evidenza (ma le evidenze anzi lo smentiscono) di un nesso tra vaccinazioni ed autismo.


Ma la ricerca non si ferma e nuovi dati ci permettono di capire meglio il fenomeno. Non si tratta di studio definitivo e conclusivo, soprattutto perché il campione era per forza di cose molto più corposo nel gruppo dei bambini vaccinati ma è una prima (ottima) notizia.

Dei ricercatori tedeschi hanno calcolato la presenza di malattie, infezioni ed allergie (bronchiti, allergie, influenza e malattie gastrointestinali) in bambini ed adolescenti vaccinati o meno, paragonando i due gruppi. Hanno visto che fra i due gruppi non vi è alcuna differenza se non naturalmente una minore presenza nel gruppo vaccinato di malattie come la pertosse, la rosolia ed il morbillo, tre patologie prevenibili con la vaccinazione.

Il campione è importante, più di 17.000 bambini ed adolescenti da 0 a 17 anni e gli autori dello studio hanno cercato di paragonare i due gruppi anche per quanto riguarda altre malattie, come le malattie cardiache, l'epilessia, l'ADHD (sindrome da iperattività) ed anche in questo caso nessuna differenza: i bambini vaccinati si ammalano come quelli non vaccinati. Nessuna differenza nemmeno riguardo l'età o il sesso dei bambini.

In realtà in passato altri studi avevano evidenziato una mancanza di correlazione tra vaccinazione e malattie di tipo allergico (anzi, in molti studi si era notata una protezione nei confronti delle allergie in bambini vaccinati) ma con un campione così numeroso la risposta è ancora più attendibile. Sono in corso altre ricerche ma va bene così, soprattutto per chi ogni tanto si lascia prendere dal panico leggendo i deliranti proclami antivaccinisti.
Di questo studio ne hanno parlato anche altri blog.


Ma se non bastasse è stata cercata una correlazione tra le vaccinazioni più diffuse e le patologie più chiamate in causa quando si discute di vaccini.
La ricerca ha revisionato più di 1000 studi sull'argomento ed ha concluso che i vaccini sono sicuri. In particolare sono esclusi collegamenti tra i seguenti vaccini e malattie:
- MPR (morbillo-parotite-rosolia) autismo e diabete tipo 1
- DTaP (difterite-tetano-pertosse) e diabete tipo 1
- Vaccino anti influenzale e paralisi del nervo facciale (di Bell)
- Vaccino anti influenzale e peggioramento di asma o malattie allergiche respiratorie in bambini ed adulti
Mi sembra che possa bastare.

 

Forse ancora più immediate sono le due seguenti immagini che mostrano chiaramente l'effetto dei vaccini: hanno fatto scomparire o ridurre drasticamente malattie di ogni tipo! Ecco perché chi cerca di scoraggiare l'uso dei vaccini sta solo cercando di fare del male alla gente.

 

 

 

Avendo fatto una panoramica generale della situazione, ora passiamo ad una cosa molto importante, cioè alla verità sui VACCINI, che da sempre sono oggetti di mille teorie complottistiche a causa dell'ignoranza delle persone. 

 

 

Segue pagina 2

 

 

CEIFAN
Centro di Indagine sui Fenomeni Anomali
diretto dal
Servizio Antibufala

http://ceifan.org